Una delle scoperte più importanti della ricerca sugli ioni d'aria può essere l'influenza diretta sul sistema nervoso autonomo, il vegetativum.

Il sistema nervoso autonomo fa sì che la persona respiri e che il cuore batta. Controlla i numerosi processi vitali che avvengono automaticamente. Uno dei più importanti neurormoni di questo sistema è la serotonina. Si trova quasi ovunque nel corpo. Un maggiore rilascio di questo ormone può causare dolore, crampi, fastidio, irritabilità, disturbi del sonno e ansia. All'Università della California e nei laboratori di ricerca russi, l'influenza diretta degli ioni d'aria positivi e negativi sulla neurormone serotonina nel sangue e nel cervello è stata chiaramente e significativamente dimostrata.

Gli ioni d'aria positivi portano ad un aumento del rilascio di serotonina; gli ioni d'aria negativi, invece, attivano gli enzimi di degradazione della serotonina. Se il contenuto di ioni nell'aria che respiriamo è basso, predomina l'accumulo di serotonina. Una persistente mancanza di ioni d'aria negativi porta inevitabilmente a cambiamenti nel comportamento dell'individuo:

Il comportamento del sonno, che dipende direttamente dal contenuto di ammine cerebrali, è disturbato. Dormire senza riposo, insonnia, irritabilità possono essere il risultato di un eccesso di serotonina. Lo squilibrio di lunga durata tra la serotonina e il suo enzima degradante (MAO) può portare alla condizione descritta come distonia vegetativa (disturbi del movimento di tutti i tipi). È stato unanimemente riscontrato che caratteristiche come l'aggressività, l'intolleranza, la sensazione di svogliatezza sono innescate da trigger di serotonina, compresi gli ioni positivi dell'aria.

L'effetto degli ioni negativi d'aria può essere riassunto come segue:

Trasmettono una sensazione generale di benessere e riducono l'inquietudine e il dolore causati dall'eccesso di serotonina. Essi regolano i modelli di sonno e di solito portano un sonno profondo influenzando il periodo di sonno REM. La performance, sia mentale che fisica, è stimolata. L'influenza sulla chimica del sangue per arricchire le sostanze difensive contro le infezioni, il turnover delle vitamine C, B1, B2 e B3, è dimostrato essere migliorato. La respirazione cellulare è attivata.

In pratica, si è constatato che negli esperimenti condotti in molte classi scolastiche, la disponibilità ad apprendere e la ricettività del materiale didattico presentato è notevolmente migliorata.


>• categoria successiva: effetto antibatterico